Chitarristi

ManulaEssendo chitarrista perchÚ non parlare delle influenze chitarristiche che ho avuto?
Il tutto parti da una trasmissione su RADIO2 che per 10 puntate parlò dei 10 chitarristi, che secondo loro, stavano nell'olimpo della chitarra. Io avevo 16 anni, ascoltavo Dylan ed il mio punto di riferimento era Jimi, ma tra i chitarristi di quella trasmissione un suono ed una maniera mi folgorarono era il mitico Jeff Beck.
Dopo questa folgorazione seguirono gli anni e altri chitarrisiti si affacciarono sulla scena e nei mie gusti, ma Jeff rimane sempre il mio modello.
Ed ora una piccola guida ragionata dei chitarristi secondo il mio personale gusto.

Jimi HendrixJimi Hendrix, un uomo simbolo, la sua chitarra una Fender Startocaster (che lo stesso Leo Fender costruì ed evolse per seguire le esigenze del capostipite di tutti i chitarrsiti elettrici) è ormai divenuta un icona, un simbolo, da adorare e bramare.
Il suo primo disco Are You Experienced? deve necessariamente stare nella discografia di un qualsiasi chitarrista e, se volete esagerare, prendetevi anche Electric Ladyland. In questi due dischi troverete i suoi pezzi più famosi. Tra tra i mie preferiti Voodoo Chile, The wind cries Mary e Foxy lady.
Ma la cosa che apprezzo di più di Jimi è stata la sua capacita di fare suoi pezzi scritti da altri. Le sue interpretazioni, sempre personali e riconoscibili, hanno spesso dato nuova vita a canzoni misconosciute come Hey Joe.
Il suo stile pieno muove l'anima dall'interno e, diciamocela tutta, a chi non si e accapponata la pelle nel sentire la sua versione di Like a rolling stones?
Cosa suonerei di lui: Foxy lady

Jeff Beck FenderJeff Beck. Di Jeff apprezzo i silenzi. Il suo modo di suonare blues è impareggiabile.
Jeff fa parte della folta schiera di chitarristi che regalarono al mondo il brit-rock e come stile si pone tra la mano lenta di Eric Clapton e l'aggressività di Jimmy Page.
Un uomo da chitarra ed amplificatore, niente effetti, niente fronzoli solo dita e cuore. Saper usare la manopola del volume come lui permette di cambiare tono e spessore nel suono senza riccore a mezzi elettronici.
Dover consigliare un suo disco non è facile, sicuramente Jeff Beck's Guitar Shop è tra i più interessanti e vanta collaborazioni del calibro di Terry Bozzio alla batteria. Se dovessi, oggi, scegliere un suo pezzo da fare sul palco sceglierei Cause We've Ended as Lovers da Blow By Blow. Pezzo dalla tristezza infinita ma con un pathos tale da farmi accapponare la pelle tutte le volte che lo ascolto.
Cosa suonerei di lui: We've Ended as Lovers - Brush with the blues

Pete TownshendPete Townshend, anche lui grande esponente del brit-rock, sicuramente una chitarra ritmica impareggiabile. Il suo fuzz ormai è storia. Tutti i gruppi con una sola chitarra, come The Who, necessitano di un chitarrista di notevole personalità e Pete ne ha da vendere quasi quanto il suo naso.
Spesso i sui pezzi sono costruiti su riffi semplici ma efficacissimi. Ascoltatevi Pinball Wizard da Tommy o Summertime blues da Live at Leeds.
A suo lustro va detto che con Tommy e Quadrophenia The Who hanno scavalcato il muro della semplice canzone per entrare nel grande modo della Musica con la M maiuscola.
Cosa suonerei di lui: Pinball Wizard - Summertime blues - Rough boys

Edward Van HalenEdward Van Halen Quando nel 1978 usci il primo disco dei Van Halen, come molti, la mia affermazione fu "Ma con la chitarra si possono fare quelle cose lì?!". Sicuramente il primo disco Van Halen è da tenere sul comodino ed ogni tanto riascoltarselo per riprendere le giuste dimensioni. Il pezzo che mi piacerebbe suonare come Edwuard è Ain't talkin' 'bout Love ma per ora rimane solo un sogno.
Edward è anche un grande sperimentatore e ama costruirsi ed assemblarsi le sue chitarre. La chitarra che brandeggiava nel primo disco portava il nome di Frankenstein ed era assemblata a partire da una Stratocaster. La chitarra della foto è il primo esemplare costruito da Edward con la Kramer di cui era diventato endorser tra l'83 ed il '91. Poi seguirono la Stienberger, Music Man e Peavey.
Cosa suonerei di lui: Ain't talkin' 'bout Love

Kenny BurrellKenny Burrell Sono sempre stato affascinato dal suo modo morbido di suonare.
È un chitarrista della generazione del bib-bop, che con lui diventa hard-bop. Ha suonato con tutti i grandi del Jazz tanto da diventare il chitarrista favorito di Duke Ellington.
Mi piacciono un sacco le sue acciaccature e quando comincia ad armonizzare sulla melodia. Lo ascolterei per ore.
Consigliare un suo disco non è facile. La sua prima apparizione discografica è con Dizzy Gillespie nel 1951 ed il suo ultimo disco Blue muse del 2003. Per cui prendetene uno qualsiasi della sua vasta produzione ed ascoltatelo!
Cosa suonerei di lui: Chitlins con carne - Midnight blue

Steve VaiSteve Vai Cosa posso dire di lui? Che è veramente TRUZZO!
Ho brandeggiato per svariati anni una JEM555 e la curiosità di conoscere il chitarrista che l'aveva generata mia ha sempre intrigato. Cosi, su consiglio, ho preso Passion and Warfare, album strumentale decisamente interessante, in cui For the love of God è sicuramente il pezzo più rappresentativo. Steve è sicuramente un bravo chitarrista ma non riesce a stimolare le mie corde. Apprezzo decisamente di più il suo maestro Joe Satriani che con pezzi come Always With Me, Always With You, che trovate nell'aubum Surfing with the alien, riesce ad emozionarmi. Se vi può interessare comprai Surfing with the alien solo perché in copertina c'era Silver Surfer.
Cosa suonerei di lui: penso nulla

Eric JohnsonEric Johnson. Ho scoperto Eric solo di recente grazie ad un DVD dei G3. Di lui mi ha subito colpito la raffinatezza del suono e la classe del suo modo di affrontare il blues.
Se non lo avete compratevi Venus Isle ed ascoltatevi Manhattan e S.R.V. sicuramente ne rimarrete affascinati come me.
Chitarristicamamente fa uno smodato uso di pentatoniche sviluppate orrizontalmente, concatenando le varie forme, in modo da poter utilizzare tutto il manico. Il suo suono è decisamente ricercato. Tutti vorrebbero una stratocaster che suona come la sua, ma per ottenere quella profondità e espressività Eric ha un impianto di tutto rispetto in cui nulla è lasciato al caso.
Cosa suonerei di lui: Manhattan - S.R.V.

Stevie Ray VoughanStevie Ray Vaughan Stivie incarna quel blues con una vena funcky che mette allegria.
Uno dei pochi chitarristi che hanno saputo affrontare i pezzi di Jimi Hendrix senza snaturarli. Sono fantastiche le sue versioni di Voodoo Child e Little wing.
Di lui sono ormai disponibili molte raccolte ma io consiglio sempre il suo primo disco Texas Flood che contiene delle chicche come Lenny e Mary had a little lamb.
Cosa suonerei di lui: Pride and joy

Gary MooreGary Moore. Di Gary apprezzo moltissimo il fraseggio. Non mi piace moltissimo la sua scelta sonora (Marshall + Les Paul), il suo suono è troppo ciccio per i miei gusti, ma i sui drive mi fanno impazzire. Lo considero un chitarruista molto elegante soprattutto quando suona blues.
Se volete un disco per cominciare direi Bluse Alive disco dal vivo del 1993
Cosa suonerei di lui: Stll got the blues - King of the blues

Angus YoungAngus Young. Per me Angus è sinonimo di SG! L'uomo che ha traghettato il blues nel heavymetal! Il suo suono, creato a partire da questa chitarra accoppiata ad un classciisimo Plaxi della Marshall, è inconfondibile. Con Van Halen rappresenta il chitarrista che mi ha accompagnato durante la transizione alla maturiatà. Di lui mi sono rimasti impressi a fuoco nella memoria gli album Highway to Hell (1979) e Back in Black (1980).
Cosa suonerei di lui: Hell's bells - Let me put my love into you

Frank ZappaFranck Zappa. Che dire di lui?Un genio! La sua musica non è tra le le più facili, ma quando si riesce ad aggunatare il filo del discorso, la sua musica entra e fa breccia e ne si apprezza appieno la complessità e la pienezza.
Come chitarrista amo il suo modo di usare queste frasi ricorsive quasi aventi un'ommometria interna. Il suo suono mi prende soprattuto quando non esagera con il fuzz.
Se volete un disco per cominciare io punterei su Zappa in New York disco dal vivo del 1978
Cosa suonerei di lui: Muffin man

Un po' di esempi presi da YouTube:

Jeff Beck video Cause weve ended as lovers Questa interpretazione su discosta un po' da quella contenuta in Blow by blow ma è comunque d'impatto
video Drown in my own tears Jeff Beck dal programma "Later ... with Jools Holland" su BBC2
video A blast from the east Un lato più sperimentale di Jeff quasi cool jazz. La registra zione è del concerto a Tokyo nel 1998. Con lio Randy Hope-Taylor (Basso), Jennifer Batten (Chitarra), Steve Alexander (Batteria)
video Nadia In questo pezzo Jeff mette a nudo tutta la sua capacità dominare lo strumento per creare le giuste atmosfere.
video Brush with the blues Questo è il Jeff che preferisco! La registrazione si riferisce al tour del 1998. Un tour che ho avuto l'onore di vedere all'idroscalo di Milano.

Pete Townshen video Pinball wizard Pete è stato il chitarrista di The Who sue sono le ritmiche frenetiche che costituivano la base musicale del gruppo
video Rough Boys Questo Ŕ invece il Pete solista, veramente pieno di energia

Jimi Hendrix video Foxi Lady L'attaco di questa canzone mi fa impazzire. Godetevelo live a Woodstock.
video Voodoo Chile Il suo bigliletto da visita.

Edward Van Halen video Eruption Il pezzo che lo rese celebre come fenomeno della chitarra.
video Ain't Talkin' 'Bout Love Questo pezzo da una un idea delle sonorità predilette da Eddy.

Kenny Burrell video Gee baby, ain't I good to you Pezzo dell'album Midnight Blue registrato il 21 aprile 1967 alla Blue Note. Stanley Turrentine (tastiere), Major Holley Jr. (basso), Bill English (batteria) and Ray Barretto (percussioni).
video A Child Is born Live a Montreaux con Bill Evans (1978)
video Take a train Live a Montreaux. Bill Evans trio con ospite Kenny Burrell alla chitarra.
video Summertime In quartetto con Reggie Workman (contrabbasso), Grady Tate (batteria), Grover Washington Jr (sax).
video Theme From Monterey Kenny Burrell and the Jazz Heritage All-Stars, 12 giugno 2007 (Burrell è del 31 lulgio 1931. Anch'io volgio suonare così da pensionato)
Kenny Burrell (chitarra), Dr. Bobby Rodriguez (tromba), Nick DiPinna (trombone), Jeff Clayton (sax alto), Tivon Pennicott (sax tenore), Tom Ranier (piano), Roberto Miranda (basso), Clayton Cameron (batteria), Mayuto Correa (percussioni).

Steve Vai video For the love of God Questo pezzo tratto da Passion and warfare è la sintesi delle capacità di Steve.
video Guitar duel Questo è un brano tratto dal film Mississippi Adventure (Crossroads - 1986) Steve interpreta la parte di entrambi i chitarristi e nel film presta il volto al diavolo che veste i panni di un chitarrista blues chiamato Jack Butler.

Eric Johnson video SRV Questo omaggio a Stivie Ray Vaughan live al G3 (1996). Godetevei tutta la sua raffinatezza nel suonare.
video Manhattan Live al G3 (1996) Eric esprime tutta la sua capacità di fraseggio blues/jazz creando armanie ed emozioni.
video Red House Live al G3 (1996) con Joe Satriani e Steve Vai. Eric non è nenche tanto male come cantante.

Stevie Ray Vaughan video Voodoo Chile (Slight Return) Stevie o SRV come è più noto, è uno dei pochi chitarristi che abbia avuto la capacità di reinterpretare Jimi Hendrix senza snaturarlo ma nello stesso tempo apportatno qualche cosa di personale nelle sue interpretazioni.
video Texas Flood SRV in questo pezzo esprime tutta la sua capacità di fraseggio.
video Mary had a Little Lamb Uno dei mie pezzi favoriti in cui esece tutto il suo essere Texano.
video Pride and Joy Questo è il goove tipico dei Double Trouble trio con cui SRV suonava. Questo è un esempio di blues shuffle portato all'estremo.

Gary Moore video Still Got The Blues Versione dal vivo del mio pezzo preferito. I badn del riff iniziale sono fantastici.
video The Thrill is Gone In coppia con il grande B.B. King (a cui deve molto stilisticamente) esprime un gusto nel suonare veramente vellutato.

Angus Young video Hell's bells Dal vivo a Donington nel 1981
video Its a long way to the top Un giovanissimo Angus (live nel 1975) con il compianto Bon Scot alla voce.

Frank Zappa video Muffin Man Dal vivo, 28 October 1977. Frank Zappa, Adrian Belew, Patrick O'Hearn, Terry Bozzio, Ed Mann, Tommy Mars, Peter Wolf. Manca il recitato di Cap BEEEE ma l'assolo rende di brutto.
video City Of Tiny Lites Dal vivo al Palladium in New York City, durante il concerto di Halloween, 31 ottobre 1981. Frank in un assolo sconclusionato che fa il verso a Carlos Santana.


Per ora è tutto alla prossima.

Ultima modifica: venerdý 4 settembre 2009 Di laSu A casa